altre della regione Lazio : Agro Pontino - Castelli Romani - Cicolano - Ciociaria - Grande Roma o Agro Romano - Maremma Laziale - Sabina - Tuscia -
mappa della subregione CIOCIARIA e dei singoli Comuni   
subregione Ciociaria
Regione: Lazio
Capoluogo: Frosinone
n°comuni: 91
perimetro: 359 km
superficie: 3.238 km2
superficie calcolata: 3.272,72 km2
abitanti (istat 2020): 477.502

I Comuni

Acquafondata - Acuto - Alatri - Alvito - Amaseno - Anagni - Aquino - Arce - Arnara - Arpino - Atina - Ausonia - Belmonte Castello - Boville Ernica - Broccostella - Campoli Appennino - Casalattico - Casalvieri - Cassino - Castelliri - Castelnuovo Parano - Castro dei Volsci - Castrocielo - Ceccano - Ceprano - Cervaro - Colfelice - Colle San Magno - Collepardo - Coreno Ausonio - Esperia - Falvaterra - Ferentino - Filettino - Fiuggi - Fontana Liri - Fontechiari - Frosinone - Fumone - Gallinaro - Giuliano di Roma - Guarcino - Isola del Liri - Monte San Giovanni Campano - Morolo - Paliano - Pastena - Patrica - Pescosolido - Picinisco - Pico - Piedimonte San Germano - Piglio - Pignataro Interamna - Pofi - Pontecorvo - Posta Fibreno - Ripi - Rocca d'Arce - Roccasecca - San Biagio Saracinisco - San Donato Val di Comino - San Giorgio a Liri - San Giovanni Incarico - San Vittore del Lazio - Sant'Ambrogio sul Garigliano - Sant'Andrea del Garigliano - Sant'Apollinare - Sant'Elia Fiumerapido - Santopadre - Serrone - Settefrati - Sgurgola - Sora - Strangolagalli - Supino - Terelle - Torre Cajetani - Torrice - Trevi nel Lazio - Trivigliano - Vallecorsa - Vallemaio - Vallerotonda - Veroli - Vicalvi - Vico nel Lazio - Villa Latina - Villa Santa Lucia - Villa Santo Stefano - Viticuso

Il più antico documento che testimonia l'uso del nome Ciociaria per indicare una regione fisica risale al XVII secolo e consiste in un manoscritto in cui è registrato il toponimo Ciocciarìa. Non esistono invece documenti nel regno di Napoli o in Terra di Lavoro che attestino l'espressione geografica entro i confini delle Due Sicilie e, nonostante il documento vaticano, per lungo tempo le fonti storiche tacciono. Perché l'espressione geografica diventi nota a scrittori, storici ed intellettuali si deve aspettare il pieno evo moderno.

Nei testi e nella letteratura per la prima volta si parla di Ciocerìa dal 1833, così si ritiene che il toponimo sia effettivamente entrato nell'uso comune, senza precise connotazioni geografiche, a partire dalle invasioni francesi nello Stato Pontificio, quando fu istituito anche nelle province romane l'obbligo di prestare il servizio di leva, situazione che portò a Roma i contadini e pastori delle periferie, che in città furono denominati, in base ai loro costumi, ciociàri (dalla ciocia). (wikipedia)

Il territorio

Acquafondata, Castelliri, Fumone, Ripi, Terelle, Acuto, Castelnuovo, Parano, Gallinaro, Rocca d'Arce, Torre Cajetani, Alatri, Castrocielo, Giuliano di Roma, Roccasecca, Torrice, Alvito, Castro dei Volsci, Guarcino, San Biagio Saracinisco, Trevi nel Lazio, Amaseno, Ceccano, Isola del Liri, San Donato Val Comino, Trivigliano, Anagni, Ceprano, Monte S. G. Campano, San Giorgio a Liri, Vallecorsa, Aquino, Cervaro, Morolo, San Giovanni Incarico, Vallemaio, Arce, Colfelice, Paliano, Sant'Ambrogio sul Garigliano, Vallerotonda, Arnara, Collepardo, Pastena, Sant'Andrea del Garigliano, Veroli, Arpino, Colle San Magno, Patrica, Sant'Apollinare, Vicalvi, Atina, Coreno Ausonio, Pescosolido, Sant'Elia Fiumerapido, Vico nel Lazio, Ausonia, Esperia, Picinisco, Santopadre, Villa Latina, Belmonte Castello, Falvaterra, Pico, San Vittore del Lazio, Villa Santa Lucia, Boville Ernica, Ferentino, Piedimonte S.Germano, Serrone, Villa Santo Stefano, Broccostella, Filettino, Piglio, Settefrati, Viticuso, Campoli Appennino, Fiuggi, Pignataro Interamna, Sgurgola, Casalattico, Fontana Liri, Pofi, Sora, Casalvieri, Fontechiari, Pontecorvo, Strangolagalli, Cassino, Frosinone, Posta Fibreno, Supino. (provincia di Frosinone su Facebook)