scritta
user password
    Home  |   Italia  |   stemmi  |   statistiche  |   terremoti  |   doc / foto  |   webcam  |   news  |   cucina  |   bandiere  |   rss  |   downloads  |   PASSATEMPO  |   dove siamo  |   contatti  |  

italiano english french German spanish Portuguese
frazione, comune...

 ITALIA «  Abruzzo «  Chieti  « VASTO
cerca voci nel portaleabruzzo
Loading
VASTO
è un comune della provincia di Chieti nella regione Abruzzo
Codice ISTAT: 069099
CAP: 66054
sigla provincia: CH
Coordinate: 42°6'47"N - 14°42'29''E
Altitudine: 144 metri s.l.m.
superficie kmq: 70,65  ⇒ mappa e Confini comunali
Popolazione: 41.087 abitanti
(ISTAT 2016) ico popolazione41.087 ico maschi19.953 ico femmine21.134 ico densita581,6 ab./km²
Frazioni:18 ⇒ mappa  -  (L=Località Q=Quartiere )
  Casa Genova - Catello - Collepizzuto - Del Borrello - Genova-Rulli (L) - Iacobucci - Luci - Maddalena - Marina di Vasto - Pagliarelli - Porto di Vasto - Roselli - San Lorenzo - Sant'Antonio - Sant'Onofrio - Vignola - Villa de' Nardis - Zimarino
Santo Patrono: San Michele Arcangelo, si festeggia: 29 settembre
Giorni mercato:sabato

Sito Web del Comune: www.comune.vasto.ch.it

DOCUMENTI
• terremoti storici dal 217 a.C. al 2002
• Palazzo D'Avalos
• Il Castello Caldoresco
• le sue radici La sua storia
• Frentani
• Histonium
Comune di
VASTO
VASTO
provincia (CH)
Chieti
stemma provincia
Regione
Abruzzo
stemma regione


Note:
L'album fotografico del Comune contiene 15 foto  → vedi album
Hai foto di questo Comune?   inseriscile
Coloro che sono interessati ad inserire altri contenuti, partecipare al controllo dei dati inseriti, o suggerire migliorie, nuove sezioni e quant'altro, sono pregati di contattare la redazione.
firma

SEZIONE STORIA

registrandoti, o eseguendo il LOGIN, potrai scrivere un nuovo argomento

indice
terremoti storici dal 217 a.C. al 2002 ( nel raggio di 30 km )
Palazzo D'Avalos (11/12/2009 12:44:40)
Il Castello Caldoresco (11/12/2009 12:30:52)
le sue radici La sua storia (11/12/2009 12:21:04)
Frentani (10/11/2009 00:36:11)
Histonium (10/11/2009 00:25:23)
terremoti storici dal 217 a.C. al 2002 ( nel raggio di 30 km )   [ torna all'indice ] [ chiudi questa sezione ]
datamagzonadistanza Mappa Evento
1)09/08/18954,83Medio Adriatico16,35 kmvedi


nella zona del comune di VASTO, nel raggio di 30 km, storicamente si è verificato 1 evento sismico.  
vedi la mappa dei terremoti storici

[ torna all'indice ][ chiudi questa sezione ]
Palazzo D'Avalos [ torna all'indice ] [ chiudi questa sezione ]

vasto-davolos.jpgSituato in Piazza Pudente, è costruito sui resti di un edificio del XIV secolo. Si tratta di una struttura originaria del '300 di cui conserva diversi dettagli decorativi: n'è una testimonianza una splendida bifora.
Dopo il periodo angioino che lasciò tracce profonde nella sua struttura, il palazzo, nel 1427, viene ingrandito dal Caldora. Alla fine del '400 Vasto conosce la signoria di Innico II d'Avalos, che assume il titolo di signore del Vasto. I D'Avalos, famiglia di origine spagnola, vi trasferiscono il fasto della corte iberica e innalzano uno splendido palazzo; la città, per la sua bellezza, viene chiamata 'Atene degli Abruzzi'.

Nel 1566 L'edificio fu incendiato dai turchi, guidati dal famoso Pialy Pascià; del palazzo rimasero in piedi solo i muri perimetrali, ma nello stesso anno i D'Avalos diedero inizio al suo restauro. A dirigere i lavori fu chiamato Fra' Valerio De Santis, conventuale di San Domenico.
La riedificazione comportò alcune modifiche: il cortile divenne più razionale con l'aggiunta di un portico (oggi tre delle quattro arcate sono chiuse), mentre a levante fu realizzata una spaziosa terrazza per gli appartamenti marchesali; in quello principale, rivolto verso il mare, era possibile ammirare, fino a poco tempo fa, il meraviglioso baldacchino dei signori vastesi. Il sontuoso giaciglio fu testimone, secondo una leggenda popolare, dell'esercizio del 'Jus primae noctis', da parte di un marchese, Innico III, a danno delle avvenenti spose locali: ma approfondite indagini storiche hanno sfatato questa supposizione. D'altronde non si riuscirebbe a comprendere come mai i vastesi che già per due anni, dal 1497 al 1499, si erano opposti all'entrata dei D'Avalos come feudatari (accettati in seguito solo grazie alla mediazione del Re Federico d'Aragona) fossero capaci di subire un tale sopruso. Il palazzo fu anche dimora di Vittoria Colonna, confidente ed amica del noto Michelangelo.
La fortuna del palazzo era legata alla presenza dei D'Avalos. Con la morte del magnifico Cesare Michelangelo, avvenuta nel 1729, i discendenti preferirono dimorare stabilmente a Napoli presso la corte, per questo la decadenza del complesso divenne inevitabile.

Attualmente è sede del Museo Archeologico e della pinacoteca. La sezione archeologica ospita statue femminili, teste di Afrodite, Eros, Zeus e Sileno oltre una serie di statuine bronzee, tutte raffiguranti la figura di Eracle. La Pinacoteca contiene un settore dedicato alla pittura contemporanea ed in particolare a quella del'800, in cui si possono ammirare opere di Filippo Palizzi, Valerio Laccetti, Francesco Paolo Michetti e Giulio Aristide Santoro, tutti artisti abruzzesi.

[fonte]

[ torna all'indice ][ chiudi questa sezione ]

Il Castello Caldoresco [ torna all'indice ] [ chiudi questa sezione ]

vasto_francobollo.jpgEdificato nella prima metà del secolo XV su una preesistente struttura dal signore di Vasto Giacomo Caldora, il castello sostenne nel 1464 un assedio durato tre mesi contro le truppe di re Ferdinando I d'Aragona. Adibito a tribunale e a carcere tra 1605 e 1697, restaurato e rafforzato nel 1713, è stato utilizzato verso la metà dell'Ottocento come abitazione per privati. Il complesso presenta una pianta quadrilatera determinata da quattro fabbricati a base scoscesa disposti intorno ad un cortile rettangolare. Ai potenti bastioni cilindrici originali sono state aggiunte nel 1439 tre punte sporgenti quadrangolari.

vasto_castello_old1.jpgRisultano ancora visibili nelle mura le cannoniere e le feritoie per le colubrine. Il Castello Caldoresco, edificato sulla collina su cui si adagia la città alta, in un punto da cui si domina la marina, è un monumento dalla lunga e articolata storia costruttiva. All'impianto originario, risalente alla fine del XIV secolo e inizi del seguente, sarebbe da ascrivere la prima struttura a pianta quadrata con torri angolari cilindriche ( ne rimangono solo due), articolata intorno ad un cortile centrale, secondo un modello risalente all'architettura militare svevo-angioina. In seguito a distruzioni subite dalla popolazione vastese nel corso dei tumulti del XV secolo, il castello venne fortemente rimaneggiato sul finire dello stesso secolo da Innico D'Avalos , al quale si devono molti degli interventi che hanno conferito alla costruzione l'aspetto attuale. In questo periodo infatti, il forte viene trasformato e rinforzato da grandi bastioni angolari a mandorla (oggi ne rimangono solo tre dei quattro originari) e irrobustito da più spesse cortine murarie, coronate da apparato a sporgere continuo su beccatelli. L'adozione dei bastioni a mandorla, indica la volontà del committente di 'aggiornare' la costruzione secondo le più recenti ed efficaci tecniche difensive: questo tipo di rinforzo angolare è infatti particolarmente resistente agli assalti, attenuando fortemente la vulnerabilità di questi punti.

vasto_castello_old2.jpgOggi il forte si presenta dunque come un monumento 'palinsesto', con le bastionature aragonesi che avvolgono il precedente nucleo angioino e con superfetazioni e sopraelevazioni esterne, iniziate a partire dal XVIII secolo, che hanno via via privato la struttura del suo uso e dunque del suo aspetto militare, per adeguarlo alle funzioni residenziali.

Il Castello Caldoresco è in parte adibito a scopi residenziali ed in parte ad uso commerciale.

[fonte]

[ torna all'indice ][ chiudi questa sezione ]

le sue radici La sua storia [ torna all'indice ] [ chiudi questa sezione ]

La prima popolazione che abitò Vasto fu costituita, secondo la leggenda, da tribù provenienti dalla Dalmazia.

Il primo nome, Histon, venne dato a Vasto da Diomede, il quale arrivò sul posto alla guida degli Illiri; Histon, infatti, ricordava il monte Histone di Corfù.

Verso il V secolo a.C. il sito fu occupato dai Frentani che potenziarono il primitivo approdo di Punta Penna. Le tante iscrizioni osche e i recenti rinvenimenti di anfore nel golfo di Vasto, testimoniano l'esistenza di traffici marittimi, nonchè la grande importanza della città nel territorio frentano.vastoaereo.jpg

Dopo la guerra sociale (91-88 a.C.) Histon divenne Histonium e fu elevata alla dignità di Municipio Romano e durante l'età imperiale acquisì potenza e prestigio.

In epoca post-imperiale la città non fu risparmiata dalle invasioni barbariche alle quali fece seguito un periodo oscuro nel quale si perse addirittura il suo nome. Un conquistatore franco, Aymone, eresse, sulle rovine dell'antica Histonium, un borgo fortificato, da lui chiamato Guast d'Aymone. Dopo il periodo angioino, che lasciò delle tracce profonde nel lessico, Vasto fu assegnata ai D'Avalos, di origine spagnola, che vi trasferirono il fasto della corte iberica e innalzarono uno splendido palazzo: il Palazzo D'Avalos; la città, per la sua bellezza, fu chiamata 'Atene degli Abruzzi'. Il Palazzo D'Avalos fu distrutto dai Turchi nel '500, ma subito ricostruito in forme rinascimentali; fu anche dimora di Vittoria Colonna. Al suo interno oggi si trovano il Museo Archeologico e la Pinacoteca.

La città alta conserva molte testimonianze del suo passato; resti di ville Augustee e tracce di insediamenti medievali. Nei pressi di quella che fu, più tardi, la Chiesa di S.Pietro, si ergeva, in epoca romana, il Campidoglio; in Via Adriatica furono scoperte le Terme, le quali stanno a dimostrare quanto abbondante fosse l'acqua a disposizione dei vastesi di ieri, i quali, nelle opere idrauliche, erano dei veri e propri maestri; basti pensare alle due enormi cisterne ancora intatti situati al capo meridionale della Loggia Amblingh.

Al Seicento risale il superbo Palazzo della Penna che domina la spianata omonima al riparo da occhi troppo indiscreti; quattro massicci bastioni con munitissime garitte dovevano servire a scoraggiare eventuali malintenzionati. È la casa dei misteri; si narra che l'edificio venne messo su in una notte da cento diavoli. Dove è situata oggi Punta Penna dicono che una volta ci fosse una splendida città, Buca, sparita ingoiata dal mistero. Famosa la tavoletta di bronzo qui rinvenuta che reca in lingua osca i nomi di due censori frentani, con i resti di mura, templi, colonne, urne funerarie e monete.

Tra i personaggi illustri cui la città Del Vasto diede i natali (Vasto, insieme con il Cairo ed il Pireo vuole, innanzi a sè, l'articolo maschile), ricordiamo Lucio Valerio Pudente, incoronato poeta in Campidoglio dall'imperatore romano Traiano, dopo aver gareggiato, a soli tredici anni, nel 106 dC, nella poesia latina, durante i Giochi Capitolini che si svolgevano a Roma; ricoprì in seguito la carica di curatore delle rendite pubbliche durante l'impero di Antonino Pio. Altro figlio illustre di Vasto fù Gabriele Rossetti, il 'Tirteo d'Italia', poeta ispirato, fecondo, patriota irriducibile che, con i suoi versi, infiammò il Risorgimento napoletano; fu condannato a morte e fuggì esule a Londra, dove non cessò mai di dar lustro all'Italia e di cantare la lontana, amata patria vastese.

Patrono della città è San Michele, l'Angelo custode, invocato dai vastesi nei giorni grami della metà del XVII secolo quando terremoti e pestilenze decimavano popolazioni intere. Vasto fu 'città di grazia' cara al d'Annunzio e definita dallo storico Marchesani : 'non ultima tra le più vetuste d'Italia, tra le più favorite dalla natura, una città che non poche ragioni avrebbe ad essere di frequente menzionata.'

[fonte]

[ torna all'indice ][ chiudi questa sezione ]

Frentani [ torna all'indice ] [ chiudi questa sezione ]

Popolazione di origine illirica che ha subito un processo di fusione con una autoctona, residente già dal Neolitico. Teneva il proprio dominio nella regione relativa all'alto Molise.

Il principale centro abitato fu Larinum, divenuto in seguito colonia romana. Furono spesso alleati con i Sanniti . Altri centri importanti dei Frentani furono: Epineion (Ortona) il cui significato in osco è 'arsenale organizzato sul mare', Lanciano (colonia romana Anxanum), Vasto (Histonium ).

Popolo guerriero si difese sino allo stremo dal processo di romanizzazione, subendo successivamente la conquista dei  Romani. Vivevano di agricoltura, pesca ed allevamento, nonchè producevano prodotti agro-alimentari.

[ torna all'indice ][ chiudi questa sezione ]

Histonium [ torna all'indice ] [ chiudi questa sezione ]

Vasto è l'antica città frentana 'Histonium' la cui fondazione si fa risalire all'esule Diomede, condottiero dei Traci, dopo la guerra di Troia.

L'industria ed il commercio della lana, fiorente in Histonium, indusse la colonia greca a stabilirsi in questa località. In seguito l'influsso di Roma ebbe determinanti orientamenti perché riuscì a diffondere in Abruzzo la sua civiltà, le arti, riuscendo a tramandare, attraverso i secoli, l'opulenza e la maestosità di edifici che ancora oggi destano l'ammirazione delle genti, nonostante gli sconvolgimenti naturali e le ire dei numerosi eserciti delle invasioni barbariche.

L'Abruzzo era ben noto ai romani, non solo perché vi confinava, ma anche perché durante l'epoca gloriosa, era attraversato dalle vie Salaria, Coecilia, Claudia Nova, Valeria, Traiano-Frentana, che favoriscono il fiorire di un'arte di carattere locale, il cui influsso, però, è rimasto sempre ancorato agli schemi architettonici romani.

Fiera delle sue istituzioni e della libertà, Histonium oppose energica resistenza nell'epoca in cui la potenza romana iniziò la sua espansione e l'affermazione del potere anche in Abruzzo, ma nel 305 a.C. Histonium cadde insieme alla Frentania che fece così parte delle popolazioni soggette a Roma, combattendo valorosamente contro gli Epiroti, sotto le insegne romane. Nel 91 a.C., Histonium prese parte alla Lega della Confederazione dei Popoli Italici contro Roma, fino ad ottenere la cittadinanza ed il titolo di 'fiorente Municipio'.
La città conserva importanti resti di edifici romani (Terme, Teatro, ville, tombe funerarie, pavimenti musivi).

Sontuosi templi sono nella tradizione storica di cui si ha notizia attraverso lapidi ed iscrizioni. Il municipio romano di Histonium aveva il Foro ed il 'Campidoglio' fatto restaurare dall'Imperatore Fabio Massimo; l'acquedotto romano che risale ai Pelasgi; due tavole osche incise; bronzi e terrecotte.

Testimonianze di avanzi dei passati splendori affiorano ovunque e richiamano l'attenzione e l'interesse dei cultori ed appassionati archeologi. sollecitando l'amore all'indagine, quanto mai affascinante, sulle popolazioni che precedettero questa civiltà, che sono state artefici di opere che ancora oggi sfidano le inventive e le tecniche dell'uomo.

Da Silla, nella lotta contro Mario, la città subì enormi ed irreparabili danni, fino a che non venne ricostruita e, nel 117, compresa nella Provincia del Sannio.
Gli anni futuri determinarono la progressiva decadenza della Città, perché, dopo la caduta dell'Impero, toccò all'Abruzzo la sorte delle altre regioni d'Italia. Gli opulenti municipi romani furono invasi dalle orde barbariche, subendone l'oppressione vandalica e rappresentando il teatro di sanguinose lotte, che si protrassero durante il periodo feudale.

Nell'etimologia la parola Histonium deriva da quella greca 'Histonia' che significa telaiolo, giacché la località divenne potente colonia dei Siracusani, dei Sanniti e poi dei Romani. Vasto derivò dal vocabolo 'Guast' che in antica lingua tedesca significa residenza ossia palazzo o località dove siedeva l'amministratore della giustizia (il Giustiziere), ovvero sede del Gastaldo.

[fonte]

[ torna all'indice ][ chiudi questa sezione ]