mappa della subregione CREMASCO e dei singoli Comuni   
subregione Cremasco
Regione: Lombardia
Capoluogo: Crema
n°comuni: 42
perimetro: 0 km (da calcolare)
superficie: 458 km2
superficie calcolata: 458,47 km2
abitanti (istat 2017): 126.531

I Comuni

Bagnolo Cremasco - Camisano - Campagnola Cremasca - Capergnanica - Capralba - Casale Cremasco-Vidolasco - Casaletto Ceredano - Casaletto di Sopra - Casaletto Vaprio - Castel Gabbiano - Castelleone - Chieve - Credera Rubbiano - Crema - Cremosano - Cumignano sul Naviglio - Fiesco - Genivolta - Gombito - Izano - Madignano - Monte Cremasco - Montodine - Moscazzano - Offanengo - Palazzo Pignano - Pianengo - Pieranica - Quintano - Ricengo - Ripalta Arpina - Ripalta Cremasca - Ripalta Guerina - Romanengo - Salvirola - Sergnano - Soncino - Ticengo - Torlino Vimercati - Trescore Cremasco - Trigolo - Vaiano Cremasco

Il Cremasco (Cremàsch in dialetto cremasco) è un'area geografica situata nel cuore della Lombardia, corrispondente alla parte settentrionale della Provincia di Cremona, della quale rappresenta la zona più industrializzata e densamente abitata. Il suo centro principale è la città di Crema e attualmente costituisce una delle 4 circoscrizioni per l'impiego in cui è suddivisa la provincia cremonese.

La definizione del Territorio Cremasco è abbastanza soggettiva, e non può servire allo scopo la Diocesi di Crema, poiché molti comuni storicamente legati a Crema sono dipendenti dalle diocesi vicine.

I criteri presi in esame per definire il Cremasco possono esser quelli di riferirsi ai territori dell'antico Libero Comune di Crema, oppure a quelli della Repubblica Cremasca, oppure a quelli della Provincia di Lodi e Crema escludendo i comuni dell'attuale Provincia di Lodi.

Due ulteriori criteri sufficientemente ragionevoli per identificare il Cremasco sono quelli di considerare:

-        i comuni dell'attuale circoscrizione per l’impiego di Crema;

-        i comuni della proposta di legge per la creazione della Provincia di Crema.

In particolare, la circoscrizione di Crema è costituita dai seguenti Comuni:

Agnadello, Bagnolo Cremasco, Camisano, Campagnola Cremasca, Capergnanica, Capralba, Casale Cremasco-Vidolasco, Casaletto Ceredano, Casaletto di Sopra, Casaletto Vaprio, Castel Gabbiano, Chieve, Credera Rubbiano, Crema, Cremosano, Dovera, Izano, Madignano, Monte Cremasco, Montodine, Moscazzano, Offanengo, Palazzo Pignano, Pandino, Pianengo, Pieranica, Quintano, Ricengo, Ripalta Arpina, Ripalta Cremasca, Ripalta Guerina, Rivolta d'Adda, Romanengo, Salvirola, Sergnano, Spino d'Adda, Torlino Vimercati, Trescore Cremasco, Vaiano Cremasco, Vailate.

Si tratta di 40 comuni per un totale 416 km².

Nel 2001 vi fu una proposta di legge per la creazione della Provincia di Crema; si tratta dei seguenti comuni:

Agnadello, Bagnolo Cremasco, Camisano, Campagnola Cremasca, Capergnanica, Capralba, Casale Cremasco-Vidolasco, Casaletto Ceredano, Casaletto di Sopra, Casaletto Vaprio, Castel Gabbiano, Castelleone, Chieve, Credera Rubbiano, Crema, Cremosano, Cumignano sul Naviglio, Dovera, Fiesco, Genivolta, Gombito, Izano, Madignano, Monte Cremasco, Montodine, Moscazzano, Offanengo, Palazzo Pignano, Pandino, Pianengo, Pieranica, Quintano, Ricengo, Ripalta Arpina, Ripalta Cremasca, Ripalta Guerina, Rivolta d'Adda, Romanengo, Salvirola, Sergnano, Soncino, Spino d'Adda, Ticengo, Torlino Vimercati, Trescore Cremasco, Trigolo, Vaiano Cremasco, Vailate.

Si tratta di 48 comuni per un totale 572,9 km².

Vi sono state varie proposte di rendere il Cremasco una provincia, ma nessuna ha mai avuto successo.

Nella nostra analisi intenderemo il Cremasco composto da 42 comuni, eliminando dai comuni previsti dal disegno di legge del 2001 per la Provincia di Crema quelli della parte occidentale (quali Agnadello, Dovera, Pandino, Rivolta d’Adda, Spino d’Adda e Vailate), territorio dove viene parlato il dialetto tipicamente lodigiano e da considerare, quindi, come appartenente alla subregione del Lodigiano (vedi).

Tra le attività economiche del territorio Cremasco, la coltivazione di cereali soprattutto frumento, ortaggi e frutta; l'agricoltura è una voce importante, come la zootecnia e le aziende di trasformazione. Nell’industria, rilevanti le aziende cartarie e quelle votate alla produzione di macchine per ufficio (qui c’era la Olivetti), di apparecchi medicali e di precisione. Buona pure la presenza di imprese di produzione di oggetti artistici, dal vetro, alle ceramiche, alle accordature di pianoforti. Forte l'industria tessile.

L'identità del territorio Cremasco e dei suoi abitanti si è andata formando e consolidando intorno alla città di Crema nel corso di una storia secolare, ricca di eventi significativi e duraturi che hanno contraddistinto e caratterizzato in maniera specifica questa particolare area geografica.

Le prime citazioni documentarie della località di Crema risalgono all'XI secolo e, a partire dal 1084, essa è costantemente definita castrum Cremae, cioè un castello o un borgo protetto da una cinta di mura. Se la certificazione storica di Crema è relativamente tarda, rapidissimo fu invece il suo sviluppo come centro di attrazione e di potere nell'Isola Fulcheria, il territorio dai confini mal definiti che la circondava e a cui ben si attaglia la denominazione di "isola" perché racchiuso tra i fiumi Adda e Serio, il cui corso si allargava in ampie paludi, dette Lago Gerundo. La prima testimonianza scritta del nome Insula Fulchéria (o Insula Fulchérii) risale al febbraio del 1040, quando il vescovo di Cremona Ubaldo si recò alla corte dell'imperatore Enrico III per sottoporgli un documento che avrebbe concesso alla diocesi cremonese l’autorità sull’Insula Fulcherii a scapito di Bonifacio III di Canossa, margravio (titolo nobiliare assimilabile al titolo italiano di marchese) di Toscana, che la deteneva per investitura feudale.

Fin da questa data appare evidente l'interesse di Cremona per Crema e l'Isola Fulcheria. Situati a ridosso della linea delle risorgive, in posizione dominante rispetto alle vie d'acqua e di terra, all'incrocio delle principali linee di comunicazione nord-sud ed est-ovest (Bergamo-Piacenza, Milano-Cremona, Brescia-Pavia), Crema e il Cremasco erano un territorio "in formazione", strategicamente importante seppur ancora poco appetibile e inadatto alle coltivazioni perché in massima parte ricoperto da boschi e soprattutto da paludi e acquitrini, retaggio di un antico mare o lago Gerundo e costantemente alimentati dai numerosi fontanili. L'acqua era perciò l'elemento caratterizzante di tutta la zona, racchiusa e intersecata da importanti fiumi (Adda, Tormo, Serio e Oglio) e frequentemente soggetta alle loro violente inondazioni se non addirittura a variazioni di letto. Non è escluso che proprio un cambio spontaneo o artificiale dell'alveo del Serio, avvicinandolo di molto alla nascente città di Crema, unitamente alle intense bonifiche avviate proprio in quell'XI secolo, abbiano contribuito a stimolare le mire espansionistiche delle ben più potenti città vicine (Milano e Cremona in particolare) in un periodo in cui si assiste a un generalizzato degrado degli istituti feudali e dell'economia curtense accanto al rifiorire e al ripopolarsi delle città e al rafforzarsi al loro interno dei nuovi ceti dediti all'artigianato e al commercio, quella borghesia cittadina che, organizzata in influenti corporazioni di arti e mestieri, otterrà poteri politici ed economici sempre più rilevanti fino a raggiungere un'effettiva indipendenza dal "signore" feudale e a imporre le nuove strutture comunali.

Nel 1335 Crema ed il suo territorio vennero annessi al Ducato di Milano.

A partire dal 1449 il territorio Cremasco venne a far parte della Repubblica di Venezia, costituendo una quasi-exclave compresa nel Ducato di Milano; una strada fortificata e presidiata, detta "la Steccata" lo collegava al territorio bergamasco tra Castel Gabbiano e Sola.

La Diocesi di Crema venne eretta nel 1580. I suoi confini coincidono con quelli dell'antico territorio cremasco formatosi nei secoli XI-XII come libero comune di Crema. In periodo veneziano la rappresentanza del Territorio era affidata ad un consiglio composto da un rappresentante per comune, che eleggeva quattro sindaci, uno per porta, cui era affidato il governo provinciale. A metà Settecento, solo i 28 principali comuni avevano mantenuto il diritto ad eleggere il proprio consigliere territoriale.

Per un breve periodo (dal 28 marzo 1797 al 10 luglio 1797) Crema fu la capitale della Repubblica Cremasca, che venne poi sciolta e aggregata alla Repubblica Cisalpina.

Dopo il Congresso di Vienna tale territorio passò agli austriaci che crearono il Regno Lombardo-Veneto. Crema ed il cremasco entrarono a far parte della Provincia di Lodi e Crema, una delle 9 Province Lombarde del Governo della Lombardia.

Con l'inizio del Regno d'Italia, il Cremasco, dietro richiesta inviata al Re e al governo da eminenti personalità cremasche, divenne parte della Provincia di Cremona, città tradizionalmente nemica di Crema.

Il Cremasco ha un proprio dialetto, il dialetto cremasco, appartenente al gruppo orientale dei dialetti della lingua lombarda, simile sia al dialetto bresciano che a quello bergamasco per inflessioni, cadenze e modi di dire.

Uno degli eventi più frequentati del territorio è il Gran Carnevale Cremasco che dura tutto il periodo di Carnevale, con tante iniziative, sfilate di carri allegorici, concerti di bande e gruppi musicali.

L’aspetto culinario della zona si caratterizza per la degustazione dei famosi turtèi, i tortelli dalla pasta "pizzicata" e dal ripieno dolce, a base di amaretti e di un biscotto tipico, il mostaccino.

Per i dolci, la regina è la spongarda di Crema, che già si mangiava nel 1500: è pasta frolla farcita di frutta secca, miele e altri aromi, cotto al forno e presentato spolverizzato di zucchero a velo. Da provare pure la bertolina, impasto a base di miele e olio d'oliva, con cuore morbido e profumato dall'aroma tipico dell'uva fragola. Infine i chisulì, che sono invece palline ripiene di uva e mela che si friggono nell’olio bollente durante il Carnevale.