scritta
user password
    Home  |   Italia  |   stemmi  |   statistiche  |   terremoti  |   doc / foto  |   webcam  |   news  |   cucina  |   bandiere  |   rss  |   downloads  |   PASSATEMPO  |   dove siamo  |   contatti  |  

italiano english french German spanish Portuguese
frazione, comune...

 ITALIA «  Abruzzo «  L'Aquila  « ORTONA DEI MARSI
cerca voci nel portaleabruzzo
Loading
ORTONA DEI MARSI
è un comune della provincia di L'Aquila nella regione Abruzzo
Codice ISTAT: 066063
CAP: 67050
sigla provincia: AQ
Coordinate: 41°59'52"N - 13°43'39''E
Altitudine: 1003 metri s.l.m.
superficie kmq: 52,66  ⇒ mappa e Confini comunali
Popolazione: 567 abitanti
(ISTAT 2013) ico popolazione567 ico maschi256 ico femmine311 ico densita10,8 ab./km²
Frazioni:7 ⇒ mappa  -  (L=Località Q=Quartiere )
  Aschi Alto - Carrito - Casali Santa Maria Maddalena - Castiglione - Cesoli - Rivoli - Villa Santa Maria
Santo Patrono: San Generoso, si festeggia: 8 maggio

Sito Web del Comune: www.comune.ortona.aq.it

DOCUMENTI
• terremoti storici dal 217 a.C. al 2002
• Ortona dei Marsi (cenni storici)
• La patria di Poppedio Silone
Comune di
ORTONA DEI MARSI
ORTONA DEI MARSI
provincia (AQ)
L'Aquila
stemma provincia
Regione
Abruzzo
stemma regione


Note:
L'album fotografico del Comune contiene 9 foto  → vedi album
Hai foto di questo Comune?   inseriscile
Coloro che sono interessati ad inserire altri contenuti, partecipare al controllo dei dati inseriti, o suggerire migliorie, nuove sezioni e quant'altro, sono pregati di contattare la redazione.
firma

SEZIONE STORIA

registrandoti, o eseguendo il LOGIN, potrai scrivere un nuovo argomento

indice
terremoti storici dal 217 a.C. al 2002 ( nel raggio di 30 km )
Ortona dei Marsi (cenni storici) (27/01/2011 18.02.47)
La patria di Poppedio Silone (08/11/2009 17.59.34)
terremoti storici dal 217 a.C. al 2002 ( nel raggio di 30 km )   [ torna all'indice ] [ chiudi questa sezione ]
datamagzonadistanza Mappa Evento
1)03/12/13156Pettorano sul Gizio20,04 kmvedi
2)11/11/18505,17San Vincenzo Valle Roveto24,39 kmvedi
3)28/11/18894,63Acciano18,95 kmvedi
4)02/11/19044,83Lecce nei Marsi11,11 kmvedi
5)25/08/19055,28Campo di Giove24,78 kmvedi
6)05/06/19084,83Pescocostanzo29,57 kmvedi
7)14/04/19144,83Ortona dei Marsi3,12 kmvedi
8)13/01/19156,99Avezzano16,41 kmvedi
9)20/06/19154,83San Benedetto dei Marsi10,66 kmvedi
10)23/09/19155,17San Benedetto dei Marsi10,66 kmvedi
11)28/09/19244,63Balsorano25,69 kmvedi
12)18/12/19265,03Trasacco16,93 kmvedi
13)11/10/19275,27Civita d'Antino26,44 kmvedi
14)14/01/19294,78Pescasseroli22,47 kmvedi
15)24/11/19404,63Pescasseroli22,07 kmvedi
16)06/04/19614,63Capistrello28,04 kmvedi
17)12/11/19654,27Santa Jona21,96 kmvedi
18)09/06/19804,76Dogli28,04 kmvedi
19)14/06/19804,97Pescosolido25,92 kmvedi


nella zona del comune di ORTONA DEI MARSI, nel raggio di 30 km, storicamente si sono verificati 19 eventi sismici.  
vedi la mappa dei terremoti storici

[ torna all'indice ][ chiudi questa sezione ]
Ortona dei Marsi (cenni storici) [ torna all'indice ] [ chiudi questa sezione ]

L'origine di questi borghi, oggi riuniti nel comune di Ortona dei Marsi, si perde nella notte dei tempi allorquando i Marsi ricostruirono le loro abitazioni in piccoli centri sparsi lungo la valle dopo che, nell'anno 459 di Roma (305 a. C.), il console Lucio-Postumio-Mugello distrusse la città di Milionia: l'antica fortezza militare di cui parla Tito Livio che, con 3,6 km di cinta muraria ancora ben visibile in alcuni punti, controllava l'intera vallata. Nel territorio di Ortona, tra le frazioni Casej, Rivoli e Colle Cavallo, è stata collocata l'antica fortezza marsica di Milionia. A Milionia si rifugiarono i Sanniti, alleati dei Marsi, nel 294 a.C., durante la Terza guerra sannitica, dalle truppe romane guidate dai consoli Lucio Postumio e Marco Attilio Regolo, che alla fine espugnarono la città. Ancora più antica l'origine delle popolazioni che, come testimoniano i ritrovamenti di tombe e di oggetti per la caccia e l'agricoltura, devono aver abitato fin dalla preistoria la valle, complice la sua ricchezza d'acqua: l'attuale fiume Giovenco allora identificato come Pitonio, divinità temuta e amata. Notizie storiche sulla zona si ritrovano intorno all'anno mille, periodo in cui si comincia ad avere traccia degli insediamenti urbani attraverso i registri del vescovato di  Marsia Nell'area di Ortona ebbe origine la Gens Poppedia, di cui esponente più importante fu Quinto Poppedio Silone, comandante degli Italici nella Guerra sociale (91-88 a.C.). La moglie e la figlia di Poppedio Silone vennero sepolte in località Le Rosce di Ortona, dove è stata rinvenuta una lapide con delle sepolture femminili e numerose chiese, e relativi benefici, segnano lo sviluppo religioso ed economico degli agglomerati urbani della zona, alcuni ancora riconoscibili, altri di cui  rimane ormai solo la denominazione: Fondo Grande (l'area in Ortona compresa pressappoco tra l'attuale via Roma, via Aia, la Pincera, Prato Barone), Carreto (Carrito), Vado Albone (che si ipotizza essere tra la località di San Felice e Santa Maria), Fumegna (l'attuale Sulla Villa); Melonia (nell'area tra Cesoli e Rivoli).

[ torna all'indice ][ chiudi questa sezione ]

La patria di Poppedio Silone [ torna all'indice ] [ chiudi questa sezione ]

La tradizione ha sempre sostenuto che Poppedio Silone fosse nato in una delle contrade dell'attuale paese di Ortona dei Marsi. Gli storici marsicani su questo punto sono stati sempre concordi, fino a quando Rosato Sciocchi, esaminando le iscrizioni rinvenute in contrada Castelrotto presso Manuvio (S.Benedetto dei Marsi), affermò che Poppedio Silone fosse nativo di questa città, la quale diede un altro valoroso condottiero agli eserciti italici nella Guerra Sociale: P. Vezzio Scatone. A ridare certezza che la patria di Silone fosse Ortona dei Marsi è stata una scoperta fatta nel secolo scorso e che è rimasta celebre negli annali ortonesi. La scoperta riguarda la tomba di famiglia di Silone. L'iscrizione dei cippo sepolcrale indica che nella tomba siano state sepolte due donne, madre e figlia: senz'altro si tratta di congiunti dei celebre capitano. questa tomba è stata ritrovata in contrada Le Rosee, vicino al fiume Giovenco, verso il lato sud del paese. Ecco come il Di Pietro riporta la notizia: 'La moglie e la figlia di Poppedio Silone, ossia di quel Marso che ebbe la somma gloria di essere alla testa della Lega Italica nella Guerra Sociale, erano sepolte nel territorio di Oriona e propriamente nel locale detto 'Le Rosce' alla destra sponda del fiume Giovenco, giusta il ceppo sepolcrale costà rinvenuto, che ora si conserva nella famiglia Buccella di Ortona. Dunque lo stesso Poppedio dovette appartenere per nascita al centro chiamato Fondo Grande risorto dopo la distruzione della città di Milionia, nel quale doveva avere la sua proprietà ed il sepolcro di famiglia'.

Notiamo che lo storico contemporaneo al ritrovamento della tomba non ha esitazione nel ritenere che le due donne siano la moglie e la figlia di Silone. In una lettera del prof. Ugo Speranza, scritta a Giuseppe Buccella in data 11 nov. 1946 - lettera che il destinatario ci ha gentilmente concesso di consultare - si legge che anche lo storico marsicano Federico Terra ritiene che 'Poppedio Silone sia proprio di quei luoghi (Ortona) o nato nei limiti dell'attuale territorio ortonese, ove in contrada Le Rosce fu messa allo scoperto dalle acque del Giovenco la seguente iscrizione riferitasi alla famiglia Poppedia:

POPPEDIA.P.F.SECONDA

FILLAE.OSSA.SITA.FITAE.

M.F.MATRI.OSSA.SITA

Questa iscrizione fu illustrata da Mons. Gio. Camillo Rossi e pubblicata la prima volta nel vol. 3, pag. 244 delle Memorie Ercolanesi, Napoli, 1843'.

La lapide con la riportata iscrizione è rimasta conservata in casa Buccella fino ad alcuni anni fa; poi gli stessi Buccella la donarono al Museo Civico di Avezzano, dove ancora oggi si conserva. La scoperta avvenne nel 1814 e non ci sono noti i particolari del ritrovamento. Essa però si rilevò molto importante per gli oggetti che vi si ritrovarono, interessanti la toilette muliebre dei tempo di Roma: ombrello, pettine, pantofole, boccette per profumi.

A questo punto potrebbe porsi la domanda: come si spiegano le iscrizioni di Marruvio, citate dallo Sclocchi, se la tomba della famiglia Poppedia si trovava ad Ortona? Pensiamo che la risposta debba essere la seguente: Marruvium, al tempo della Guerra Sociale, poteva considerarsi, se non la capitale, certo una delle città principali dei Marsi. Per cui, se la Lega degli Italici si sentì in dovere di coniare una moneta in onore di Poppedio Silone ed i Sanniti gli tributarono un trionfo, ci sembra logico e verosimile che la città Marsicana di Manuvium abbia eretto cippi commemorativi dedicati al grande Condottiero. Questa nostra opinione viene suffragata da un altro fatto messo in rilievo dallo storico marsicano Colantoni, il quale ritiene che la famiglia di Poppedio Silone fosse imparentata con quella di Vezzio Scatone, uno dei dodici generali marsi della Guerra Sociale, nativo di Marruvium. Il Colantoni arriva a questa conclusione basandosi su altre iscrizioni, ritrovate in contrada Castelrotto, poco lontano da Marruvium. Riportiamo le iscrizioni come le abbiamo trovate nella citata lettera dei prof. Ugo Speranza:

Q.VETTIO.C.

IIII.VIR.l.

EX.TESTAMENTO.

F.SILONI.OPPIA.P.F.

D.ORNITRATU.OPPLAE.P.P.

UXORIS.

Queste due iscrizioni sono state trovate una vicina all'altra: ecco perché il Colantoni ha sostenuto la parentela dei due capitani. Per terminare riportiamo la testimonianza di un altro storico marsicano, Pietrantonio Corsignani, il quale sostiene che Poppedio Silone fu un capitano celebrato da Cicerone e da un'altra iscrizione, di cui però il Corsignani non dice dove l'abbia trovata:

Q.POMPED.MARS.IN.ACR.

BELL.CLAR.MEM.

E' evidente il riferimento al valore militare del nostro Personaggio.

[fonte]

[ torna all'indice ][ chiudi questa sezione ]